Ultima modifica: 7 luglio 2015

Liceo Scientifico S.A.

Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate nasce come evoluzione del liceo scientifico tradizionale, sostituendo alle ore di latino quelle di informatica, con un più forte orientamento verso la didattica laboratoriale.

Dopo il riordino del 2010 ha sostituito il Liceo Scientifico Tecnologico.   Nel nostro istituto, nonostante l’assenza delle ore di laboratorio nel monte ore ministeriale, si è salvaguardato, per quanto possibile, la didattica laboratoriale con progetti specifici che prevedono l’utilizzo degli insegnanti di laboratorio e delle attrezzature presenti in Istituto.   Per questo nel quadro orario compaiono ore aggiuntive (**) specificatamente dedicate ad attività di laboratorio di fisica, di chimica o di biologia.

 Profilo per il Liceo Scientifico opzione Scienze applicate

Liceo scientifico
“Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere,assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale” (art. 8 comma 1).

Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno:

  •  aver acquisito una formazione culturale equilibrata nei due versanti linguistico-
    storicofilosoficoe scientifico;
  •  comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero, anche in dimensione storica, e i nessi tra i metodi di conoscenza propri della matematica e dellescienze sperimentali e quelli propri dell’indagine di tipo umanistico;
  •  saper cogliere i rapporti tra il pensiero scientifico e la riflessione filosofica;
  •  comprendere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi dellamatematica, anche attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale; usarle inparticolare nell’individuare e risolvere problemi di varia natura;
  •  saper utilizzare strumenti di calcolo e di rappresentazione per la modellizzazione e larisoluzione di problemi;
  •  aver raggiunto una conoscenza sicura dei contenuti fondamentali delle scienze fisiche enaturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia) e, anche attraverso l’usosistematico del laboratorio, una padronanza dei linguaggi specifici e dei metodi di indaginepropri delle scienze sperimentali;
  •  essere consapevoli delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico nel tempo, in relazione ai bisogni e alle domande di conoscenza dei diversi contesti, con attenzione critica alle dimensioni tecnico-applicative ed etiche delle conquiste scientifiche, in particolare quelle più recenti;
  •  saper cogliere la potenzialità delle applicazioni dei risultati scientifici nella vita quotidiana.

Opzione Scienze applicate
“Nell’ambito della programmazione regionale dell’offerta formativa, può essere attivata l’opzione “scienze applicate” che fornisce allo studente competenze particolarmente avanzate negli studi afferenti alla cultura scientifico-tecnologica, con particolare riferimento alle scienze matematiche, fisiche, chimiche, biologiche e all’informatica e alle loro applicazioni” (art. 8 comma 2).

Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno:

  • aver appreso concetti, principi e teorie scientifiche anche attraverso esemplificazioni operative
    di laboratorio;
  • elaborare l’analisi critica dei fenomeni considerati, la riflessione metodologica sulle procedure
    sperimentali e la ricerca di strategie atte a favorire la scoperta scientifica;
  • analizzare le strutture logiche coinvolte ed i modelli utilizzati nella ricerca scientifica;
  • individuare le caratteristiche e l’apporto dei vari linguaggi (storico-naturali, simbolici, matematici, logici, formali, artificiali);
  • comprendere il ruolo della tecnologia come mediazione fra scienza e vita quotidiana;
  • saper utilizzare gli strumenti informatici in relazione all’analisi dei dati e alla modellizzazione di specifici problemi scientifici e individuare la funzione dell’informatica nello sviluppo scientifico;
  • saper applicare i metodi delle scienze in diversi ambiti.

Il quadro orario settimanale:

quadri orari liceo scienze applicate

Quadro orario

 

Visualizza tutto »

Ultimi 5 articoli pubblicati in ""

14 Dic 2018 Circolare n. 124 del 14/12/2018 Convocazione collegio docenti del 19 dicembre 2018

CIRCOLARE n. 124 del 14.12.2018 convocazione collegio docenti del 19 dicembre 2018

14 Dic 2018 CIRCOLARE N. 123 del 14/12/2018 Rilevazione dei bisogni formativi del DSGA e del personale ATA

circolare n 123 14 12 2018rilevazione dei bisogni formativi del DSGA e del personale ATA

14 Dic 2018 CIRCOLARE N. 122 del 14/12/2018 Rilevazione dei bisogni formativi dei docenti

circolare n 122 14 12 2018 rilevazione bisogni formativi docenti

14 Dic 2018 Circolare n 121 del 14/12/2018 Convegno “La meccatronica: opportunità formative e di lavoro”

CIRCOLARE N 121 DEL 14-12-2018 Programma provvisorio di sala (1) Circolare Ufficiale Convegno

13 Dic 2018 CIRCOLARE N 120 DEL 13/12/2018 Comparto Istruzione e Ricerca. Sciopero Generale per l’intera giornata del 17 dicembre 2018

CIRCOLARE N 120 DEL 13-12-2018




Link vai su